Ragazzina viene violentata: le amiche filmano e condividono sui social

LA VICENDA

È stata violentata nel bagno di una discoteca, mentre le amiche riprendevano la scena con il cellulare. Per poi diffondere il video tramite Whatsapp. Una brutta esperienza di cui è rimasta vittima una 17enne qualche tempo fa, anche se la vicenda è venuta alla luce soltanto ora.



PRIMA DELLO STUPRO

La vittima è minorenne, ha 17 anni. Quella sera era andata in discoteca. Si trovava nel locale e ha cominciato a bere. Non si sa se di sua iniziativa o spinta a farlo. Ma in fondo poco importa perché quando lei è quasi completamente incosciente, viene prelevata e portata di peso in un bagno da un ragazzo conosciuto quella sera stessa. E qui viene violentata.

DURANTE LO STUPRO

Ma non sono soli. Forse la mossa non è sfuggita alle amiche della giovane che, evidentemente, li hanno seguiti. Perché proprio mentre si consuma la violenza, riescono ad arrampicarsi nella toilette di fianco e riprendono la scena con il cellulare. Un video in cui per fortuna non si vede la vittima in volto, ma che testimonia come la 17enne fosse completamente inerme, una bambola di pezza in balia del ragazzo. Come sottofondo, le risate di chi sta filmando, come se si trattasse di uno scherzo di poco conto. Una cosa che fa accapponare la pelle, giovani ormai adulte che invece di correre in aiuto dell’amica che sta subendo quell’orrore, la prima cosa a cui pensano è quella di immortalare la scena, come se niente di quello che stava succendo le riguardasse.

IL FILMATO VIENE CONDIVISO SUI SOCIAL

E quel filmato allucinante, la vittima se lo ritrova il giorno dopo su WhatsApp, e realizza pienamente l’orrore che ha subito. Non sa a quante persone sia stato mandato (gli inquirenti sembrano essere riusciti a bloccare tutto), è disperata e alla fine non può fare altro che rivolgersi a sua madre. La donna è sotto choc, e l’unica cosa che può fare è quella di correre dai carabinieri e mostrare quella barbarie che si è consumata sulla pelle di sua figlia. La denuncia arriva subito sul tavolo del magistrato che apre un fascicolo per violenza sessuale.

 

Leggi anche: “CON IL WEB, AIUTO LE VITTIME DI VIOLENZA” UNA TESTIMONIANZA IMPORTANTE

 

IL RAGAZZO INSIEME A LEI

Del ragazzo si sa ben poco, perchè risulta essere un albanese. La ragazza lo avrebbe conosciuto in discoteca, secondo varie testate giornalistiche. In seguito, dopo aver bevuto molto (non si sa se la vittima è stata costretta o fosse in balia del ragazzo) viene trascinata a forza nel bagno, ma lei ormai è ubriaca.

LA RAGAZZA VIOLENTATA

Lei, (non possiamo citare nome e cognome per questione di privacy), probabilmente da un analisi teorica sui fatti potremmo ipotizzare che abbia avuto un momento di rabbia, o di forte nervosismo, perchè non risulta possibile che una persona normale entri in una discoteca e decida di sedersi al bancone solo per bere (poteva andare anche in un bar a prendere alcolici), che poi abbia conosciuto quel ragazzo proprio in quella circostanza potrebbe essere anche per puro caso. Fatto sta che solamente il giorno dopo la ragazza si rende conto di ciò che ha subito.

LE AMICHE DELLA RAGAZZA

In questo caso, le amiche dov’erano? Forse si sono distratte, o non hanno voluto raccontare qualcosa e omettere un qualsiasi dettaglio che potrebbe risultare rilevante al fine di ricostruire la serata e i fatti? Potrebbero, sempre ipotizzando, essere state loro a “mandare” lei a conoscere questo ragazzo? Che fine hanno fatto poi quelle sue amiche che avrebbero dovuto aiutarla e proteggerla? Forse sono scappate, ma poi avrebbero filmato il tutto sorridendo…forse si dovrebbero definire “sadiche” come giusto che sia…



LA DENUNCIA

A far scattare la denuncia è stata la diffusione del video. È solo a quel punto che la minorenne si rivolge alla madre, che si reca subito ai carabinieri. La ragazza è stata sentita, ma ha potuto raccontare poco. I suoi ricordi di quella sera sono molto confusi. Ora verranno sentite anche le amiche che erano con lei, in attesa di identificare il ragazzo di origini albanesi.

 

 

fonte: corriere.it , la stampa.it , ilrestodelcarlino.it , rainews.it , iltirreno.geolocal.it , ilgiornale.it

Rispondi